Archivi tag: ROI

Integrazione ed efficacia del processo di sviluppo prodotto

La Team 3d è lieta di invitarvi all’evento che si terrà

giovedì, 7 aprile 2011
14.00-17.30

UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE
viale Fulvio Testi, 128 Cinisello Balsamo (MI)

dove parteciperà Mauro Barra, titolare della Team3d srl, che introdurrà, come azienda testimonial, la CB srl di Bottanuco (Bg) , nella persona di Giorgio Mauri, socio e IT Manager.

Il titolo dell’intervento sarà

Condividere le informazioni e i dati di progetto in modo efficace con le soluzioni Siemens PLM Software

Vieni a scoprire come, grazie agli strumenti di Siemens PLM e l’aiuto di Team3d, puoi riorganizzare la tua produttività per competere sempre meglio contro i tuoi concorrenti.

 

Ridurre i costi o investire in innovazione?

Per far fronte ad una diminuzione dei propri ricavi, spesso per un’azienda la reazione più immediata è un taglio netto e deciso di tutti quei costi ritenuti superflui.

Ma siamo davvero sicuri che non esistano altri modi per rilanciare la nostra attività, magari evitando di privarci di risorse che potrebbero essere impiegate in modo più redditizio?

Gian Luca Sacco (Marketing Manager di Siemens Industry Software per il sud Europa) ci mostra come la volontà di creare nuovi prodotti vincenti e di fare investimenti in questa direzione si riveli una strategia assolutamente vincente.

La rivoluzione della progettazione

____

Nel mercato manifatturiero è in atto una vera e propria rivoluzione innescata dall’ufficio progettazione, risultato di un atteggiamento assunto da parte di un gran numero di aziende che da molto, forse troppo tempo, non hanno saputo concentrare attenzione ed energie sulle proposte più innovative e sui progetti più redditizi. Infatti, negli ultimi trent’anni, cospicue risorse, sia in termini economici sia di tempo, sono state dedicate ad iniziative principalmente mirate a ridurre i costi. Tali iniziative hanno portato indubbiamente dei benefici: ma focalizzando la stessa quantità di risorse su altri aspetti come l’innovazione e la progettazione, il risultato non avrebbe potuto essere migliore?

È il prodotto che stabilisce il successo di un’azienda. Ma non è il singolo prodotto a garantirne la durata. Sarebbe meglio dire che è la capacità di sviluppare una serie di prodotti vincenti che accresce il valore di un’azienda sul mercato. Questo è il motivo per cui i risultati del processo di sviluppo dei nuovi prodotti sono il migliore indicatore dei potenziali risultati finanziari di un’azienda nel lungo periodo.

A dimostrazione di ciò, un recente studio di PriceWaterhouseCoopers ha evidenziato che le aziende che ricavano l’80% dei propri fatturati da nuovi prodotti, in cinque anni raddoppiano il proprio valore di mercato. Diventa allora fondamentale conoscere quale percentuale del fatturato deriva dalla vendita di nuovi prodotti. Ma quante sono le aziende che misurano questo importante indicatore?

Un altro aspetto da tenere in considerazione è l’ubiquità di questa rivoluzione: la globalizzazione tende a distribuire geograficamente anche le macro-tendenze, quindi, l’Italia non ne è esclusa. Bisognerebbe chiedersi come le aziende italiane stanno affrontando questo cambiamento. Da un rapporto dell’US Patent and Trademark Office, l’Italia spicca per l’esiguo numero di brevetti registrati nel 2004, addirittura inferiore a quelli dello stato dell’Idaho, la metà circa di quelli registrati in Francia e ben un sesto di quelli tedeschi. Un primato già di per se negativo, che alla luce delle affermazioni di questo studio, risulta un potente freno per l’attività produttiva delle aziende italiane.

___

Infatti, se questa rivoluzione si rivelerà positiva o negativa, dipende esclusivamente dalle reazioni, che arriveranno a dividere in due grandi categorie il mercato manifatturiero: le aziende che vedono in essa l’opportunità di rilanciare l’ufficio di progettazione come centro del proprio processo d’innovazione e quelle che, non sfruttando il nuovo trend, si troveranno fuori dal mercato.

___

The Harvard Business Review scrive: “Prodotti nuovi e innovativi sono la linfa vitale di ogni azienda. Tuttavia, il problema non è avere nuove idee. La chiave è riuscire a concretizzare quelle che già si posseggono. Il momento Eureka è un mito ricco di fascino, molto teatrale. Ma l’arte di inventare e migliorare è più spesso un lungo e difficile percorso. È l’arte di capitalizzare l’invenzione, di gestire la transizione da un’onda cerebrale al lancio sul mercato, che rappresenta la parte più complicata.”.

Volendo tradurre in altre parole, capitalizzare significa catturare e identificare le migliori idee, determinare come utilizzarle al meglio, progettare il prodotto e i relativi impianti e processi di produzione, fabbricarlo e lanciarlo. L’intero processo che porta sul mercato le migliori idee sottoforma di nuovi prodotti ha la necessità di essere svolto il più velocemente possibile, bilanciando eccellenza qualitativa e costi, con il supporto di marketing e rete di vendita coinvolti in maniera efficiente. Tutto ciò richiede un’infrastruttura tecnologica a supporto: una rete d’innovazione basata su comunicazione e collaborazione.

Idealmente, questa rete d’innovazione dovrebbe essere in grado di cogliere le idee di chiunque in azienda, indipendentemente dalla sua collocazione geografica o all’interno della filiera, per poi permettere la selezione delle migliori iniziative e quindi giungere allo sviluppo del prodotto in tutte le sue varianti, alla progettazione degli impianti per la produzione e la definizione dei processi. Questa infrastruttura diventa una Rete Mondiale d’Innovazione.

___

Il PLM (“Product Lifecycle Management” o ”Gestione del Ciclo di Vita del Prodotto”) è l’infrastruttura digitale che consente la costruzione di reti mondiali d’innovazione. Una soluzione PLM permette a figure professionali che ricoprono diverse funzioni aziendali, spesso in organizzazioni dislocate in varie parti del mondo, di operare come un’unica azienda grazie ad un ambiente di condivisione della conoscenza e delle informazioni di prodotto.

La trasformazione del processo di innovazione attraverso il PLM consente di raggiungere un nuovo livello di efficienza. È in grado di consolidare su scala mondiale i rapporti con fornitori, clienti e partner, di incrementare la produttività, di snellire e velocizzare i cicli di innovazione, di ottimizzare il time to market e la capacità di ricezione del mercato.

Tutti fattori che permettono alle aziende manifatturiere di sfruttare a proprio vantaggio questa rivoluzione: la rivoluzione della progettazione.

___

__________________________
Gian Luca Sacco
Marketing Director South Europe
Siemens Industry Software S.r.l.
Industry Sector

HD3D: Fare chiarezza tra le complessità

Lanciato l’anno scorso,HD3D adesso è integrato direttamente con Teamcenter e aiuta facendo chiarezza tra i dati nascosti e complessi che ci sono all’interno del PLM mostrandole a tutte le persone coinvolte nei processi dello sviluppo del prodotto.
Con la continua richiesta da parte dei consumatori di nuove funzionalità e capacità sempre più sofisticate dei prodotti, il processo che coinvolge il loro sviluppo ha registrato un aumento della complessità .
Documentare il punto esatto in cui il processo di sviluppo di un prodotto si trova, è la sfida maggiore dei costruttori di prodotti consumer.
Gestire lo stato dell’indotto dei fornitori e dei team esterni è difficile anche per il fatto che la maggior parte delle informazioni sonni formato testo e sono disponibili attraverso complesse ricerche.
E’ per questo motivo che siemens PLM ha sviluppato High Definition 3D (o HD3D abbreviato ). Combinando elementi di Teamcenter, la soluzione per gestire i dati, e JT, il popolare formato di visualizzazione di matematiche leggere, HD3D è in grado di presentare dati “nascosti”in un sistema di gestione dati in modo altamente dinamico e grafico. Prendendo i metadati come punto di partenza esso usa codice colori puntatori ed altri metodi per presentare i dati del prodotto in maniera chiara e univoca. HD3D è stato lanciato l’anno scorso e la prima versione estraeva metadati direttamente dai modelli 3D del cad NX. Ora con il rilascio della versione 7.5, la tecnologia è integrata con Teamcenter e questo apre la possibilità di visualizzazione e di interrogazioni a chiunque sia coinvolto nel processo di sviluppo del prodotto questi nuovi ed importanti sviluppi sono sfruttabili in due aree principali:analisi e controlli visuali (Visual Reporting) e (check mate) verifica di validità.

tratto da wwww.develop3d.com