NX vince su CATIA: la scelta di Daimler AG-Mercedes

Le grandi case automobilistiche solitamente non cambiano software CAD. Questo semplicemente perchè è troppo costoso cambiare. Ecco perché è stato un grande evento quando Daimler AG-Mercedes ha scelto di fare questa mossa delicata alla fine del 2010 annunciando che avrebbe sostituito Dassault Systèmes CATIA con il suo concorrente più duro, NX di Siemens PLM.
Questo è stato un duro colpo per Dassault Systèmes, ma niente ha potuto impedire il passaggio. Daimler aveva raggiunto un livello tale per cui i vantaggi di implementare un nuovo sistema superavano le difficoltà di migliorarne uno esistente e così nell’estate del 2011, è stato avviato il processo di migrazione. L’obiettivo è di portare a termine il grosso del passaggio nel 2015 per auto e furgoni e nel 2016 per autocarri e autobus, ha detto il responsabile del progetto Daimler Mercedes PLM, il dottor Peyman Merat.Allora, qual è lo stato attuale di questo enorme progetto? Da fonti di Mercedes è emerso che il passaggio sta andando secondo i piani e che il progetto “PLM 2015” è entrato in una fase critica. Il piano è di terminare il passaggio per il lato automobilistico entro aprile del prossimo anno. In totale, oltre 6.000 dipendenti sono influenzati dal cambiamento, e fino ad oggi più di 2.000 hanno subito la formazione necessaria. I restanti 4.000 completeranno il programma di formazione nel 2014.
Diamo uno sguardo più da vicino alle ragioni che hanno spinto al cambiamento di CAD.
daimler-mercedes2Bernard Charles, CEO e Presidente della francese Dassault Systèmes – ottimista e visionario.

Molte cose possono essere dette su Bernard Charles, secondo alcuni dei suoi concorrenti è un uomo fiducioso e ottimista. Ma è anche vero che pochi nel settore hanno fatto così tanto per diffondere il PLM come questo visionario carismatico. La stessa cosa vale per la sua ultima passione, la Dassault 3DExperience Concept che, secondo Bernard è il prossimo passo evolutivo nel settore IT per la realizzazione del prodotto. “E’- dice – il passo più in là del PLM,  un sistema di nuova generazione”.

CAD la prima fonte di ricavo per Dassault

Considerata la visione “oltre il PLM “, è forse un po’ sorprendente che Dassault oggi sia principalmente una società di CAD, almeno in termini di fatturato. Secondo i dati dell’analista PLM CIMdata, le vendite dirette di software CAD rappresentavano circa 1,6 miliardi di dollari (il 60 % del fatturato totale della società), su 2,6 miliardi di dollari di fatturato totale nel 2012. Così suddivisi: CATIA (circa 1,1 milliardi ) e SolidWorks (circa 0,5 miliardi ). Questa concentrazione sul CAD può essere d’aiuto in una delle principali sfide di Dassault: far sì che le loro soluzioni operarino con facilità in ambienti IT eterogenei, che è quasi sempre la situazione delle grandi aziende.
DS ha a lungo primeggiato in ambienti esclusivamente Dassault. Le soluzioni dell’azienda garantiscono eccellenti collegamenti in tutta la catena di sviluppo del prodotto, anche ove non ci sono soluzioni di continuità. 3D Experience è un ottimo esempio di questo, come il fatto che DS ha recentemente creato 14 soluzioni specifiche di settore. Ma dopo molte critiche e molti passi indietro da un approccio monolitico, l’integrazione di terze parti può ancora essere un problema e questo è stato uno dei principali motivi per la decisione di Daimler.

daimler-mercedes3

Oltre 6.000 licenze in palio

Nel caso della Daimler, il costo per Dassault si è rivelato essere una base installata di oltre 6.000 licenze CAD CATIA. Tuttavia, il danno peggiore non è la perdita di un cliente di prestigio o il grande introito delle licenze; la grande perdita di Dassault è stata peggiore. L’industria automobilistica tedesca è uno dei più importanti gruppi del mercato mondiale per il software PLM. Non stiamo parlando solo di grandi OEM: le catene di fornitura dei colossi automobilistici sono di pari, se non maggiore importanza. Utilizzano ancora più software PLM di quello OEM (“original equipment manufacturer“, letteralmente “produttore di apparecchiature originali.) E se Daimler vuole NX invece di CATIA, beh, i produttori della supply chain possono essere spinti a cambiare.

Un cambiamento guidato dalla compatibilità

Allora perché Daimler ha fatto il cambiamento? Naturalmente, ci sono stati diversi motivi, ma uno di quelli più importanti erano i requisiti di accoppiamento tra CATIA V6 ed ENOVIA. Aggiungete a ciò il fatto che la banca dati del prodotto di proprietà della Daimler, SMARAGD (basato su soluzione cPDM di Siemens PLM, Teamcenter), era incompatibile con CATIA V6.
Così, è stata presa la decisione di cambiare. Quando ho parlato con lui durante il PLM Europe di Linz, il dottor Peyman Merat era riluttante ad andare nel dettaglio del ragionamento, ma ha confermato che “il nostro cambiamento è guidato da problemi di compatibilità tra il software CAD e PDM”. Ha anche detto che la migrazione dei dati di prodotto è iniziata nel luglio 2011 e che il 2012 era il momento di sviluppare una metodologia e iniziare a utilizzare NX nei progetti.

Può lavorare Daimler con NX e Catia insieme?

daimler-mercedes4
Il Dott. Merat ha detto che per realizzare questa possibilità Daimler ha creato un modello didati multi-CAD nel loro database SMARAGD prodotto (12.1) con un’interfaccia che risolve i problemi di formato.
Il Dott. Merat ha anche detto che hanno creato un “pacchetto NX per i subappaltatori”, e che la distribuzione di questi è iniziato già nel 2011.
Dal punto di vista organizzativo, il passaggio a NX viene condotto attraverso un piano di progetto sofisticato. La casa automobilistica tedesca ha nominato speciali “responsabili di passaggio” che assicurano che il processo di migrazione venga eseguito. I programmi di formazione sono strutturatiin base ai ruoli e su misura per le esigenze dei diversi dipartimenti.
daimler-mercedes5

 

Impegno a lungo termine

Non c’è dubbio che l’impegno di Daimler con NX sia a lungo termine. Hanno firmato un accordo decennale con Siemens PLM. Dassault Systèmes ha acquisito ordini per il nuovo software (CATIA, ENOVIA e la soluzione DELMIA Digital Manufacturing) di Daimler durante il periodo transitorio, ma si suppone che questo flusso si spenga lentamente.
Il fatto che Siemens PLM ha sia NX che la suite PLM Teamcenter in atto a Daimler rende la loro posizione, già forte nel settore automobilistico tedesco, ancora più forte. Con clienti PLM (Teamcenter) come Daimler e il Gruppo VAG gigante (Volkswagen AG), Siemens è così dominante sul lato cPDM come lo è Dassault CATIA nel CAD​.
Sia Volkswagen che BMW dovrebbero rinnovare i contratti con CATIA nei prossimi due anni, e l’amministratore delegato di Siemens PLM, Chuck Grindstaff, sembra fiducioso: Ha detto che la crescente complessità della progettazione e dello sviluppo dei veicoli ha costretto molte aziende automobilistiche a valutare i propri sistemi in uso, per accertarsi di utilizzare le soluzioni tecnologiche migliori. Daimler non fa eccezione…

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *